Informazioni utili   /   Informazioni generali

  Requisiti per accedere al Gratuito Patrocinio

Pubblicato il 18/09/2021 09:27

Il Patrocinio a Spese dello Stato, più comunemente conosciuto come "Gratuito Patrocinio", consente anche ai non abbienti di farsi assistere da un avvocato di fronte all'autorità giudiziaria, civile, penale, amministrativa o tributaria. Ciò significa, più semplicemente, che se un cittadino non ha i mezzi farsi assistere in giudizio da un avvocato, a pagare il compenso di quest'ultimo sarà lo Stato.

ATTENZIONE: Il Patrocinio a Spese dello Stato riguarda esclusivamente l'assistenza prestata in giudizio e quella stragiudiziale propedeutica all'instaurazione dello stesso. In tutti gli altri caso l'attività stragiudiziale rimane a carico del Cliente.  

Possono accadere al Patrocinio a Spese dello Stato:

  1. i cittadini italiani;
  2. i cittadini stranieri purché non abbiano prodotto all'estero redditi superiori ai limiti previsti per l'anno in corso;
  3. gli apolidi, ovvero persone emigrate all'estero che non hanno alcuna cittadinanza;
  4. gli enti o le associazioni che non perseguano fini di lucro e non esercitino attività economica.

Condizione per essere ammessi al patrocinio a spese dello stato è quella di essere titolari, in linea generale, di un reddito annuo imponibile, secondo l’ultima dichiarazione dei redditi, non superiore ad € 11.746,68. In ambito penale, detta soglia è aumentata di € 1.032,91 per ogni familiare a carico.

Nel calcolo rientra il reddito percepito dal richiedente e quello dei familiari conviventi. In altre parole occorre verificare la capacità economica del richiedente nel suo complesso, tant’è che vengono ricompresi anche eventuali assegni di mantenimento e il Reddito di cittadinanza.

Per taluni reati l'accesso al gratuito patrocinio è sempre escluso: si tratta di delitti relativi all'evasione fiscale o alla criminalità organizzata (qualora il richiedente sia stato condannato con sentenza passata in giudicato).

Di contro, ai sensi dell'art. 76, comma 4ter, DPR n. 115/2002 ci sono reati per i quali è sempre possibile avvalersi del patrocinio a spese dello Stato:

  • art. 572 cp – Maltrattamenti contro familiari o conviventi
  • art. 583 bis cp – Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili
  • art. 609 bis sp cp – Violenza sessuale
  • art. 609 quater cp – Atti sessuali con minorenne
  • art. 609 octies cp – Violenza sessuale di gruppo
  • art. 612 bis cp – Atti persecutori
  • art. 600 cp – Riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù
  • art. 600 bis cp – Prostituzione minorile
  • art. 600 ter cp – Pornografia minorile
  • art. 600 quinquies cp – Iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile
  • art. 601 cp – Tratta di persone
  • art. 602 cp – Acquisto e alienazione di schiavi
  • art. 609 quinquies cp – Corruzione di minorenne
  • art. 609 undecies cp – Adescamento di minorenni

Per accedere al Gratuito Patrocinio, l'interessato deve presentare apposita "istanza di ammissione" al Consiglio dell'Ordine degli avvocati presso il tribunale competente per il processo.

Per qualsiasi chiarimento apri, senza alcun impegno, una richiesta di assistenza